tablinum-cultural-management1

Skyward Experimental Rocketry partecipa a Ad Infinitum

 


Skyward è lieta di annunciare che il giorno 7 Maggio parteciperà all’inaugurazione della mostra Ad Infinitum.

 

Ad Infinitum è il primo appuntamento artistico-culturale della rassegna 2016 di Tablinum Cultural Management LUST for ART.

La mostra si propone di presentare attraverso le opere di Giorgio Tardonato e Pierre Kuentz l’affascinante mondo della Space Art e, tenendo fede alla logica divulgativa e multidisciplinare propria di Tablinum, mira a realizzare uno stimolante incontro tra arte e scienza da cui possa scaturire un’importante occasione di arricchimento per il pubblico.

 

Ad Infinitum avrà luogo presso Officinacento5, in Viale Lecco 105 a Como, da sabato 7 maggio a domenica 15 maggio 2016.

 

Skyward parteciperà alla serata di apertura esponendo i due missili Rocksanne I-X lanciati nel novembre 2013 e giugno 2014.

La mostra è patrocinata dal GAL (Gruppo Astrofili Lariani) che offrirà un programma di ricostruzioni con planetario digitale, che consentiranno al pubblico di vivere in prima persona l’emozione di immergersi nel “teatro del cosmo”. Spettacolo da non perdere assolutamente!

 

Per maggiori informazioni visitate la pagina di Tablinum Cultural Management:

https://studiotablinum.com

Tablinum Facebook Page

Orari visita:

Da martedì a venerdì dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

Sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Giorno di chiusura: lunedì

 

APPUNTAMENTI SPECIALI:

– sabato 7 maggio, dalle ore 19.30 Inaugurazione di Ad Infinitum

– giovedì 12 maggio, dalle ore 21.00 serata a cura del GAL con workshop e proiezioni interattive.

– sabato 14 maggio, dalle ore 18.00 Recita Teatrale dell’attore Christian Poggioni ispirato alla Vita di Galileo di Bertolt Brecht


locandina ad infinitum

In-Domus

Skyward Experimental Rocketry collabora con In-Domus S.r.l.

 


Skyward Experimental Rocketry è molto lieta di annunciare di aver rinnovato il contratto di sponsorizzazione e collaborazione con In-Domus S.r.l.

In-Domus S.r.l. è stata fin dalla nascita e i primi passi di Skyward uno dei nostri maggiori sponsor, che ha sempre creduto nelle potenzialità e nello sviluppo della nostra comunità e ci ha sostenuto nella nostra avventura.

La collaborazione permette all’azienda l’opportunità di avere un’esperienza diretta con la realtà universitaria e con i futuri giovani ingegneri e specialisti nel campo spaziale.

Ci auguriamo che anche quest’anno la collaborazione sia piena di nuovi traguardi e successi.

Riguardo In-Domus S.r.l.

In-Domus Srl è una società nata nel giugno 2014, con l’obiettivo di gestire residenze studentesche e temporanee, sul territorio nazionale. L’attività della società ha preso avvio a Milano, con la gestione di Campus Certosa, residenza studentesca operativa dal 2005, e proseguirà, sempre a Milano, con la gestione di altre due residenze; la prima in zona Lambrate con una capienza di circa 270 posti letto, operativa da settembre 2015; la seconda in zona Bicocca, con una capienza di circa 350 posti letto e che entrerà in esercizio nel settembre 2016.

In-Domus si prefigge l’obiettivo di gestire strutture con elevati livelli di servizio, ma con politiche di prezzo che tengano conto della missione “sociale” della società; l’esperienza del team e dei propri soci sono garanzia del raggiungimento di questo importante obiettivo.

I soci fondatori di In-Domus sono la Fondazione Housing Sociale, importante Fondazione costituita nel 2004 da Fondazione Cariplo, e Davide Giovanni Dalbon, Manager che vanta decennale esperienza nel settore.

Per maggiori informazioni non esitate di visitare il sito web ufficiale:

http://www.in-domus.it

Nuovi reclutamenti di Media & Communications

Con l’arrivo della bella stagione, siamo pronti a continuare il nostro lavoro per gli imminenti eventi, e per poter essere efficienti al massimo vi informiamo che il nostro nuovo Dipartimento di Media & Communications è alla ricerca di giovani talenti, appassionati del mondo della missilistica, interessati all’ambito del design, fotografia e comunicazioni.

Le attività caratteristiche del dipartimento sono:

  1. Produzione e elaborazione del materiale informativo necessario all’associazione, dalle fotografie degli eventi ai video dei lanci, gestione del sito web e dei canali social dell’associazione
  2. Design e Merchandising.

Se siete alla ricerca di nuove esperienze indimenticabili e lavoro in team con gli studenti delle facoltà più disparate del Politecnico di Milano, non esitate a contattarci e chiedere un colloquio con noi!

Per poterci contattare andate sulla homepage del nostro sito www.skywarder.eu e cliccate sul grosso tasto blu con scritto “entra in skyward”, dopodiché selezionate Media & Communications (MC).

Vi aspettiamo numerosi!

44

Tempo di tirare le somme…

Eccomi qua,
per il primo post della nuova “rubrica” Diary of a Rocket Scientist che prende ispirazione da una serie di posts in un blog creato da un ex-membro di Skyward, Pietro Campi, che spero non me ne vorrà per il volontarissimo plagio, ma già al tempo pensai che fosse proprio una bella idea…

L’idea è quella di lasciare uno spazio a tutti (quanti saranno ?!)  coloro che vogliono scrivere un po’ delle proprie esperienze universitarie e di formazione, nonché delle avventure intraprese durante il lavoro in Skyward e, più in generale, nel mondo dell’ingegneria aerospaziale con un linguaggio scevro dai formalismi tipici degli annunci ufficiali e del mondo universitario d’alto livello. Un modo per raccontarsi come va, come si vorrebbe andasse e come ci si augura andrà…

… dell’ultimo anno passato

HRE100K, Rocksanne 2X e Rocksanne 2\(\alpha\), Cyrano

L’ultimo anno in Skyward è stato un anno particolare: una sorta di passaggio di consegne, un anno di transizione. Veniamo dal 2014 con due lanci di successo di #R1X che hanno entusiasmato gli animi di tutti, pronti a lanciare un razzo di un ordine di grandezza più grande dei precedenti.

Lo sviluppo di un motore solido di quelle dimensioni non era più nelle possibilità dell’associazione, gestire un grano così grande non è cosa fattibile cucinando a casa di qualche membro di Skyward pastella di zucchero e \(KNO_3\). Per questo motivo, per avere più certezze dal punto di vista della sicurezza, si è deciso di passare ad una tecnologìa ibrida.

Per lanciare un missile con un motore ibrido da \( 5\,\text{kN}\) il motore bisogna pensarlo, disegnarlo ma soprattutto testarlo. Ed è questo che, per quanto riguarda la parte di sviluppo del sistema di propulsione di #R2X, si è cercato di fare quest’anno… trovare un’area test sufficientemente vicina e che ci permettesse di affrontare la campagna test prevista nella più totale sicurezza. E siamo ancora in cerca…

D’altronde però l’ebbrezza di assistere ad un lancio non può essere tenuta a bada per troppo tempo e i sottosistemi pensati per Rocksanne 2X vanno testati… Ecco che si decide di lanciare una versione “Alpha” di R2X, con un motore commerciale solido che permetterà il test di vari componenti ma soprattutto permetterà ai nuovi giovani membri dell’associazione di alzare il naso e guardare volar in alto i propri sogni e le proprie passioni…

Il 2015 è stato anche l’anno che ha visto Skyward affacciarsi nel mondo dell’aeronautica… facciamo gli aerei! D’altronde il Politecnico di Milano, che ha una così grande tradizione nell’ambito della ricerca su velivoli di ogni tipo non poteva non avere un progetto studentesco associato. E i razzi?! Ce li montiamo sotto… Straordinario Cyrano Program!

EASM2015 e il resto del mondo

PrimoGiorno79

Il 2015 è stato anche l’anno in cui il record europeo di altitudine per un razzo amatoriale è stato migliorato, dagli stessi detentori di quello precedente, i DARE, team olandese molto famoso nell’ambiente.
Il volo dello Stratos II è una grande ispirazione per chi vuole davvero imparare a costruire razzi ed è un indice di un fenomeno che ritengo di primaria importanza nella formazione di noi giovani ingegneri in erba e rocket scientists wannabe: “lasciar fare ai giovani quello che vogliono fare” genera meccanismi virtuosi. Si battono record, si impara a progettare e a gestire la progettazione, ci si appassiona a qualcosa che è frutto (anche) del proprio lavoro, si sogna in grande, si diventa più muniti di fronte alla sfida di voler cambiare il mondo.
Ma anche la competizione e lo spirito agonistico deve essere sano. Incontrarsi e discutere delle cose che ci piacciono, conoscere come gli altri fanno quello che vogliamo fare noi, aiuta a crescere e chissà che poi la competizione non diventi facile collaborazione…

… dei miei ultimi 4 anni

53-1

Le belle cose cominciano per caso.
Non so bene perché ho deciso di fare Ing. Aerospaziale. Non credo mi piacessero tanto gli aerei e tutt’oggi non conosco tutta la bibliografìa a riguardo. Non sono uno di quelli che riconosce un velivolo dalla foto del suo carrello o un lanciatore dalla sigla serigrafata sulla fusoliera. No. Eppure sono contento di aver fatto questa scelta. Mi piace quello che sto studiando. Mi piace tantissimo.

Il fatto che mi piaccia quello che studio lo devo solo ed esclusivamente a Skyward Experimental Rocketry. Un bel giorno Luca mi constrinse ad ascoltare quello che un gruppo di scellerati rincoglioniti tentavano di fare. Questo gruppo di scellerati rincoglioniti andava girando per la Bovisa e per i garage del campus a Certosa con in mano un “coso lungo”, che così a primo colpo suona pure male, di legno. Una specie di razzo per capirci. Di legno. E con un ugello in cemento.
E volevano farla diventare una cosa seria, sta cazzata… Presentare l’attività al Dip. di Ing. Aerospaziale del Poli.

  • «Ce l’avete almeno un sito?! Una pagina Facebook?»
  • «Per il sito ci stiamo muovendo… Abbiamo contattato due designev. La pagina di Facebook l’abbiamo cveata ievi, ci sta pensando Gabbvi»
  • «Ma come lo fate? Con WordPress?»
  • «Che ca*** è Wovdpress? Io non ci capisco niente… Tu sai fare i siti vecchio?»
  • «Sì, ci penso io se per te va bene…»

Comincia così. Tentando di fare una pagina web. Che faceva pure schifo… (se qualcuno ha qualche screen o la riesce a trovare su qualche archivio meglio che se la tenga per sé).

E da lì non so nemmeno bene come, tre lanci, la presidenza, un sacco di persone, un sacco di passione e il desiderio di voler tirar fuori qualcosa su cui basare una vita da quello che è venuto fuori in 4 anni, che a pensarci bene sono passati anche velocemente.

Sono convinto che Skyward sia davvero una bella cosa. Credo che oltre a dare volume ad un curriculum di uno studente, che ritengo la cosa minore, costruisca personalità alimentandole con la passione. Circondarsi di persone che si appassionano alle stesse cose o che coltivano interessi diversi ma in grado di trasmetterli, manco fossero una patologìa, è semplicemente bello. Appagante.

E con l’avvento del nuovo Presidente, Christian, mi auguro che questo spirito permanga, come permanga Skyward al Politecnico e che questo spirito possa interagire arricchendosi e arricchendo a sua volta sempre nuove persone, e non parlo solo di membri dell’Associazione, ma anche Professori, esperti del settore, appassionati e semplici osservatori casuali.

Un Buon Natale da parte mia e buone feste a tutti. Un grosso “in bocca al lupo” agli skywarders.

Natale2015

Ruben


PS: Si fa questo per emozioni come queste:

PrimoGiorno06

L’eredità di EASM 2015

Sono passate un paio di settimane dal grande evento che Skyward ha organizzato per il 2015: l’European Aerospace Students Meeting 2015 (EASM 2015) for Experimental Rocketry.

A valle dell’entusiasmante convegno di due giorni, a cui hanno partecipato ben 6 teams provenienti da tutto il mondo (UKSEDS, WARR Rocketry Team, Tu Wien Space Team, ESO, Japan Rocketry Team, Warsaw Rocketry Group) più Skwyard stessa e il supporto di SGAC e SASA , dedicato alla missilistica sperimentale studentesca, si può affermare con fermezza che il panorama europeo delle associazioni europee che agiscono in ambito spaziale e missilistico è assolutamente fervido e il convegno è stato occasione di confronto e arricchimento reciproco.

PrimoGiorno06

Le soluzioni tecnologiche e le direzioni di ricerca sono piuttosto eterogenee sebbene si riescano ad identificare delle linee comuni:

  • riutilizzabilità dei missili sonda
  • propulsione solida o ibrida
  • utilizzo dei compositi
  • fast prototyping

L’organizzazione di una competizione europea di missilistica sperimentale potrebbe spingere ancora di più la ricerca in questo ambito, in generale poco investigato all’università, in un’epoca che vedrà nei prossimi 20-30 anni entusiasmanti missioni internazionali e un incremento notevole delle applicazioni per lo sfruttamento della bassa orbita terrestre e delle tecnologie annesse all’accesso allo spazio.

Nel secondo giorno di convegno si è avuta anche la possibilità di apprezzare interessantissime presentazioni dal mondo dell’industria di settore, delle startup innovative (tutte italiane!) che si affacciano al mondo dell’industria spaziale e della ricerca che hanno impreziosito l’offerta culturale e formativa di EASM 2015.

1st European Experimental Rocketry Competition (Unofficial Name)

Regole Generali

Per ciò che concerne la competizione internazionale, il giorno 22 Ottobre i teams si sono riuniti presso il Campus In-Domus Monneret e hanno iniziato a delineare le caratteristiche principali che la competizione dovrà avere:

  • Un limite alla quota di apogeo raggiungibile (che influenzerà direttamente anche la scelta del sito di lancio) stabilito, per la prima edizione, in 2017 m
  • Il sistema di valutazione della competizione si articolerà nel decretare un vincitore per ogni sottosistema del razzo (sistema di propulsione, sistema di recupero, payload ecc…) e un vincitore generale scelto per il miglior sviluppo e la migliore integrazione dei sottosistemi nonché per il rispetto dei vincoli di missione (recupero, vicinanza ad apogeo, mission analysis…)
    La valutazione del lavoro svolto sui sottosistemi sarà valutato da una commissione di esperti reclutati per l’occasione all’interno delle aziende di settore che valuteranno il lavoro in base ad alcuni criteri da stabilire (novità, complessità, funzionalità). Ad esempio un sistema propulsivo sviluppato internamente avrà una valutazione superiore rispetto ad un corrispettivo motore commerciale.
  • Sarà previsto un numero massimo di tentativi di lancio:
    • 2 tentativi dalla rampa, vale a dire che in caso di misfire si ha un altro tentativo di accensione
    • un solo tentativo se il razzo lascia la rampa di lancio
  • Ogni team dovrò provvedere alla propria rampa di lancio (che può significare anche prenderla in prestito da un altro team

Comitato Organizzatore

In queste settimane e nelle prossime tutti i team provvederanno a fornire 2 membri che andranno a far parte del comitato organizzatore della competizione che provvederà a pubblicare la revisione definitiva del regolamento entro Febbraio 2016.

Tempi previsti

Si prevede che la prima edizione della competizione avrà luogo nel 2017 poichè allo stato attuale gran parte dei team hanno già dei progetti in itinere. Il 2017 è anche un anno caratterizzato da molte ricorrenze a tema spaziale (60° anniversario dello Sputnik, atterraggi sulla Luna per il Google Lunar Xprize, centenario dalla nascita di Arthur C. Clarke) e si avrà così occasione di fare pubblicità all’evento.

Problematiche ancora da risolvere

Nei prossimi mesi la commissione organizzatrice affronterà alcune questioni importanti per la corretta riuscita dell’evento, sperando anche di ottenere supporto da agenzie nazionali e europee; in particolar modo:

  • identificare un sito di lancio opportuno per l’evento
  • gestire l’acquisto e trasporto di motori solidi da utilizzare per la competizione

Documento-Skyward

Un po’ di metriche…

PrimoGiorno60

EASM 2015 è stato certamente un evento importante, uno degli eventi più grandi a tema aerospaziale mai organizzato completamente da studenti in Italia.
Il convegno è stato organizzato completamente da Skyward Experimental Rocketry, in tutto e per tutto,  e circa l‘80% dei fondi spesi per esso provenienti dalle donazioni dei privati e degli sponsors all’associazione (il restante 20% circa proveniente dai finanziamenti alle attività culturali che il Politecnico di Milano mette a disposizione ogni anno delle associazioni studentesche), offerto gratuitamente a tutti gli interessati.

400 prenotazioni su Eventbrite nei due giorni, con picchi di presenza di oltre 150 persone, 22 relatori diversi che si sono intervallati nella due giorni a tema missilistico e una logistica impeccabile nonostante i lavori in corso per la successiva inaugurazione dell’anno accademico.

Un lavoro di squadra che ha visto occupata l’associazione in primis, con gran parte dei suoi membri, insieme allo staff del Politecnico, il dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali per un risultato che ci rende veramente orgogliosi.

Quello che abbiamo realizzato crediamo sia una testimonianza di come investire sull’entusiasmo dei giovani come noi possa produrre grandi successi. Noi vogliamo volare sempre più in alto e con l’auspicio di una collaborazione sempre più stretta con i vari stakeholders dell’ambito (dipartimento, SpLab, associazioni italiane e non di missilistica sperimentale, enti e organizzazioni che promuovono i giovani e i giovani nello spazio ecc…) lasciamo in eredità l’esperienza straordinaria di EASM 2015.

Ora è tempo di tornare a volare, con Rocksanne \(2\alpha\)

32-1

Come lanciare un missile sonda in Italia

Spesso molti, dopo aver ascoltato cosa è e cosa fa Skyward, ci chiedono da dove abbiamo lanciato il missile Rocksanne I-X, perché proprio da quel posto, se serve chiedere un permesso e come abbiamo fatto ad ottenerlo. Ecco in questo breve articolo tutte le risposte.

Non potendo, per ovvie ragioni, lanciare ovunque un razzo, è necessario individuare un posto adatto con determinate caratteristiche. La scelta di Skyward per il lancio di Rocksanne I-X è ricaduta sul Piano dell’Aremogna, località situata a 1400m s.l.m. nel comune di Roccaraso in provincia dell’Aquila, in quanto zona sufficientemente lontana da centri abitati e con un ampio spazio aperto attorno al punto di lancio.

Una volta trovato il luogo adatto si inizia col chiedere i permessi al Comune, al Corpo dei Vigili e alla Guardia Forestale della zona per chiudere l’ingresso alle persone non addette. Per questi è bastata una richiesta via e-mail, per noi la cosa è stata facilitata dal fatto che un membro fosse originario di Roccaraso il quale ci ha aiutato nella ricerca dei contatti. In aggiunta ai permessi agli enti e ai corpi locali quello più importante ed indispensabile è il NOTAM (NOtice To AirMen).

Il NOTAM è un elenco di attività che riguardano lo spazio aereo che viene utilizzato dai piloti di tutti i velivoli per essere aggiornati sulle attività nelle vicinanze di un determinato aeroporto e svolgere quindi il volo in totale sicurezza. Richiedere il NOTAM significa essere ricompresi in tale elenco , per cui si ha l’autorizzazione a chiudere momentaneamente lo spazio aereo in una determinata zona e svolgere la propria attività. Esso deve essere richiesto per qualsiasi attività che riguardi lo spazio aereo e che potrebbe costituire un pericolo per la navigazione aerea, dall’innalzamento di un dirigibile all’emissione di raggi laser e fasci luminosi, dai fuochi d’artificio al lancio di razzi, come il nostro RI-X.

Ad esempio per RI-X lo spazio aereo è stato chiuso fino a circa 3500m di quota per cui nel nostro caso non abbiamo interferito con aerei di linea ma la chiusura è servita per la sicurezza di tutti gli altri velivoli, come elicotteri od aerei militari che effettuano esercitazioni.

L’iter burocratico non è complicato ed è spiegato in maniera dettagliata e chiara da circolari emesse dall’ENAC disponibili sul sito ufficiale (circolare ATM05A e suoi allegati). Accortezza da non trascurare è la tempistica, considerando che sono necessari almeno tre mesi per concludere la trafila burocratica prima del lancio.

Scelto il luogo di lancio si deve quindi individuare l’aeroporto di competenza per la richiesta delle autorizzazioni. La zona da noi scelta si è rivelata avere addirittura quattro aeroporti nelle vicinanze: due civili (ACC Brindisi e ACC Roma) e due militari (SSCAM Brindisi e SSCAM Roma).

A ciascuno di essi si deve mandare tramite e-mail la suddetta richiesta per l’utilizzo dello spazio aereo, che consiste in un modulo standardizzato (Allegato A della circolare ATM05A) nel quale si descrive il tipo di attività che si deve svolgere, la località di decollo e di atterraggio con le rispettive coordinate geografiche, i dati identificativi dello spazio aereo come quota e limiti laterali, l’orario di inizio e fine attività ed altre informazioni più dettagliate.

Una volta compilato e firmato dal richiedente, nel nostro caso il presidente di Skyward, il modulo viene inviato a ciascun aeroporto competente e si attende la risposta, sperando in un esito positivo.

Le risposte ricevute da Skyward sono state positive ma in occasione del primo lancio a novembre 2013, prima di un responso definitivo, gli aeroporti ci hanno contattato telefonicamente per avere maggiori informazioni. In effetti la dicitura “lancio di due missili sperimentali” come descrizione dell’attività ha suscitato un mix di perplessità e curiosità. È bello ricordare però che i toni sono sempre stati cordiali e soprattutto interessati al nostro progetto e non vi è stata alcuna volontà di ostacolare il nostro lavoro. In occasione del secondo lancio, invece, la nostra “fama” ci ha preceduti e tutto si è svolto più velocemente.

Tutte le autorizzazioni ottenute devono essere inviate all’ENAC per la definitiva emissione del NOTAM che sarà pubblicata direttamente online sul sito.

L’elenco dei NOTAM emessi non viene aggiornato frequentemente e può rivelarsi ansioso controllare ogni giorno che l’attività sia inserita nella lista entro la data di lancio. Da segnalare, per evitare troppe ansie e di passare pomeriggi interi ad aggiornare il sito dell’ENAC, che viene inviata una notifica tramite e-mail dell’avvenuta pubblicazione del NOTAM.

A questo punto diventa ufficiale che lo spazio aereo è a disposizione nelle date ed orari richiesti.

Per entrambi i lanci di RI-X ci è stata fatta un’ulteriore richiesta da parte degli’aeroporti SSCAM di Brindisi e di Roma, ossia avvisare telefonicamente sia prima che dopo il lancio per essere informati in tempo reale dell’attività di volo.

In ultimo, se siete arrivati anche voi fino a questo punto non rimane che…lanciare il vostro missile!

600386_10200786786944786_1234260558_n

I prossimi eventi con Skyward

Tornati dalle vacanze non ci fermiamo più! Nelle prossime settimane Skyward parteciperà a diversi eventi in giro per l’Italia, per poi presentarsi pronti all’European Aerospace Meeting for Experimental Rocketry 2015.

Vi elenchiamo alcuni dettagli dei prossimi appuntamenti ad eventi, così che possiate venirci a salutare e a scattare qualche foto con noi, a conoscere quello che facciamo e quello che vogliamo fare in futuro e a darci tutto il vostro sostegno:

MeetMeTonight Lanciamo Un Missile Nello Spazio

MEETmeTONIGHT è l’edizione milanese e lombarda della Notte Europea dei Ricercatori, l’appuntamento annuale che si propone di diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca tra i cittadini di tutte le età attraverso eventi e iniziative divertenti e stimolanti.

Skyward, in collaborazione con il DSTA del Politecnico di Milano, esporrà del materiale relativo al Rocksanne Program e ai futuri sviluppi. Saranno presenti anche delle postazioni di Kerbal Space Program in cui potrete cimentarvi nel lanciare il vostro lanciatore spaziale, tentare un allunaggio o puntare direttamente a Marte!

Ai primi 3 che giocheranno con noi e ce lo chiederanno, regaleremo 3 codici per acquistare KSP al 30% di sconto!

Date: 25-26 Settembre

 

SpaceRenaissance La Nascente Industria del Volo Spaziale Civile

La via del rilancio della crescita economica e civile, nel mondo devastato dalla crisi globale, passa per lo spazio: una prospettiva concreta, in cui l’Italia si colloca a pieno titolo, con numerose eccellenze.
Lo sviluppo dell’astronautica civile può creare milioni di nuovi posti di lavoro qualificati, ed in questo scenario, le opportunità di inserimento dei giovani laureati e laureandi nel mondo lavorativo ne risulteranno accresciute di diversi ordini di grandezza.

Noi saremo presenti con uno stand e dell’attrezzatura da esposizione, ovviamente R1X, e tanto altro per farci conoscere e passare del tempo con voi.

Data: 07 Ottobre

 

SpaceRenaissance Dreaming of Space Concert

“Il concerto è una storia che ci parla della luna, della magia, del mito ed infine del racconto di fantascienza. Un racconto incentrato sull’Umanesimo, punto focale e tratto distintivo di Space Renaissance, un punto di incontro ideale tra i temi scientifici, filosofici ed artistici, Umanesimo per il futuro… Pertanto il programma vuole percorrere e far vibrare stati d’animo, emozioni, dal mondo antico ai nostri giorni… Norma si rivolge alla luna invocando luce ed energia…. Debussy e Jolivet interpretano il mondo antico del mito con il linguaggio moderno. Undine è una creatura acquatica che insegue l’impossibile amore umano…. Infine i temi di Williams, così aderenti ed evocativi delle storie a cui si riferiscono. Il percorso, che si inserisce nell’approccio multilin­guaggio e multidisciplinare che contraddistingue Space Renaissance Italia sin dalla sua nascita, il 22 Marzo 2013 a Città della Scienza di Napoli, proseguito al Congresso del Maggio 2014, vuole proporre l’eredità ed il patrimonio artistico umano, in relazione ai grandi temi del futuro della nostra civiltà.” – Elena Cecconi, SR Art Director

Anche qui saremo presenti con uno stand e i nostri missili e sottosistemi da mostrare e da fotografare!

Data: 4 Ottobre

 

MakerFair Rome

Maker Faire è il più importante spettacolo dell’innovazione al mondo – un evento family-friendly ricco di invenzioni, creatività e inventiva, e una celebrazione della cultura e del movimento #makers. È il luogo dove maker e appassionati di ogni età e background si incontrano per presentare i propri progetti e condividere le proprie conoscenze e scoperte.

Skyward sarò presente in ben due stand, uno in collaborazione con Mathworks Italia in cui mostreremo il lavoro che stiamo svolgendo sul sistema di controllo del prossimo razzo sonda.
L’altro tutto nostro in cui avrete la possibilità di visionare in anteprima assoluta prima della presentazione all’EASM un mock-up di Cyrano che verrà anche presentato ad un pitch!
In più delle postazioni di Kerbal Space Program per giocare con noi, workshop in cui costruirete e lancerete dei piccoli missili, e tanto, tanto divertimento…

Ai primi 3 che giocheranno con noi e ce lo chiederanno, regaleremo 3 codici per acquistare KSP al 30% di sconto!

Date: 16, 17 e 18 Ottobre

 

11

I sistemi elettronici di R1X

Lo sviluppo della componentistica e dei sistemi elettronici per Rocksanne I-X è stato un lavoro impegnativo ed entusiasmante.

Tutto l’hardware è stato disegnato e ottimizzato internamente all’associazione per gestire l’ignizione (il cui sottosistema vanta una percentuale di misfire pari allo 0% tra tutti i test e i tre lanci),  il data logging durante il volo tramite una comunicazione full-duplex tra l’antenna e la stazione di terra e la gestione dell’apertura e lo sgancio del sistema paracadute tramite algoritmi sempre sviluppati internamente.

I risultati sono stati davvero straordinari, garantendo la possibilità di analizzare in post-processing la missione per poter migliorare ancora di più i nostri approcci e soddisfacendo a pieno i requisiti di sicurezza, affidabilità ed economicità che ci eravamo imposti. Trovate i dettagli nel report allegato e nel video associato (e non dimenticare di dare un occhio anche alla nostra repository Github)

 

easm

European Aerospace Students Meeting

Ad Ottobre un evento da non perdere! Skyward Experimental Rocketry organizza l’European Aerospace Students Meeting (EASM) for experimental rocketry, il 22 e il 23 Ottobre, al Politecnico di Milano.

L’EASM 2015 è un evento interamente dedicato alla missilistica sperimentale che ha l’obiettivo di gettare le basi per una competizione internazionale di missilistica; saranno presenti esponenti delle associazioni studentesche più importanti d’Europa che presenteranno i loro programmi, esponenti dal mondo delle start-up e dell’industria che offriranno una panoramica del futuro nell’ambito aerospaziale e presentazioni dal mondo della ricerca.

Anche noi saremo protagonisti, all’evento presenteremo un nuovo programma di sviluppo, molto ambizioso, chiamato Cyrano Program che arricchirà l’esperienza di Skyward guardando di più al lato aeronautico… ma senza dimenticare i missili!
Annunceremo anche un nuovo lancio per il 2016 e spiegheremo il lavoro programmato per quanto riguarda il motore di Rocksanne 2X, di cui avrete l’opportunità di decidere il nome ufficiale.

Ci sarà poi l’occasione di conoscere più in dettaglio l’avventura di Philae con ben due interventi e tanto altro ancora!

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulla data di apertura delle registrazioni all’evento e assicurarti di partecipare.