Articoli

IMG_3591

Test a trazione per il paracadute di Rocksanne I-X

Nei giorni precedenti al lancio di Giugno 2014 di Rocksanne I-X il team di Recovery Systems aveva lavorato continuamente per verificare tutte le modifiche apportate al sistema di espulsione e sgancio del paracadute affinchè si risolvesse il problema che avevamo riscontrato nel lancio di Novembre 2013.

Lo scopo principale delle prove era di verificare la resistenza dei materiali impiegati nella realizzazione del paracadute. I dati raccolti sono stati analizzati nei pressi dei laboratori sperimentali C1 del Politecnico di Milano.

In particolare si è ricercato il modulo di Young, sforzo a rottura e allungamento a rottura delle seguenti tipologie di provini: il primo in kevlar, nella configurazione utilizzata per realizzare i cordini del paracadute principale (main); il secondo in nylon tubolare, utilizzato per realizzare le shock cord; l’ultimo, ancora in nylon tubolare, nella configurazione di collegamento tra la borsa di contenimento del paracadute principale e il paracadute drogue.

I risultati ottenuti, come previsto, hanno evidenziato delle proprietà meccaniche maggiori dei carichi previsti in fase di lancio con sufficiente margine di sicurezza. Di seguito riportiamo una tabella con i dati ricavati dalle prove.

Dati sperimentali di stress sui cordini dei paracadute di R I-X
MaterialeCarico previsto [N]Carico a rottura [N]Coefficiente di sicurezzaModulo di Young [N/mm]Allungamento a rottura [mm]
Cordino in Kevlar 1285214.07628.6
Nylon Tubolare (Paracadute Principale) 2060 7222 3.5116340.2
Nylon Tubolare (Paracadute Drogue) 627873231.1718038.7